Polpa di riccio di mare: o la ami o la odi

Linguine con polpa di riccio, un piatto di mare semplice e gustoso

Spaghetti alle vongole, linguine all’astice, all’aragosta, tutti piatti di mare buonissimi e richiesti; ma avete mai assaggiato le linguine con polpa di riccio?

Un animale marino che prima di poteva trovare solo nelle rocciose costiere, ed era davvero difficile catturarlo; ora è in commercio ed è accessibile a tutti, tutti coloro che ovviamente vogliono provarlo!

La polpa di riccio o la ami o la odi, e ciò grazie al suo sapore intenso, raffinato ed inconfondibile.

Trattasi di un animale marino pregiato e che va pescato o comprato in grandi quantità, essendo di piccole dimensione e dalla sostanza commestibile davvero minuta.

La polpa di riccio di mare vanta un profilo nutrizionale simile a quello delle altre specie; il suo apporto energetico è  limitato, probabilmente intorno alle 100-110kcal/100g, un ottimo quantitativo di proteine ad alto valore biologico e di grassi essenziali, ma anche un elevato contenuto di colesterolo.

Vitamine e sali minerali sono presumibilmente contenuti i percentuali più che buone, ma in presenza di ipercolesterolemia se ne consiglia un uso occasionale.

Detto ciò, il piatto si presenta dalla preparazione semplice e originale, riuscendo a deliziare i palati più particolari e amanti del mare, soprattutto se accompagnato da linguine al dente!

Insomma, quando vi siederete a tavola Da Corrado, ricordatevi delle linguine con polpa di riccio di mare, e immergetevi in questa fantastica esperienza culinaria!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.